L’ostetrica

Vi siete mai accorti, che quando siamo bambini e i nostri genitori ci devono spiegare come siamo nati, se ne inventano di tutti i colori?! Alcuni li hanno trovati sotto un cavolo, altri sono stati nel prato delle oche, altri ancora li ha portati la cicogna. Ma questa cicogna, o per meglio dire l’ostetrica chi è in realtà, qualcuno ve l’ha mai detto? Ora risponderete: “Certo, è quella che fa nascere i bambini”. Sapete cosa vi dico? In realtà non è proprio così.. L’ostetrica possiede molte altre capacità.
Intanto è la figura professionale più vicina alla donna nel percorso della fertilità e della maternità. E’ competente per seguire la gravidanza e il puerperio oltre che per l’assistenza alla nascita. Veniva chiamata un tempo levatrice, mammana, commare, e in molti altri modi. Nonostante questo la sua funzione rimaneva la stessa per tutti: era la figura di riferimento della comunità. Conosceva da vicino ogni famiglia e rappresentava una guida rispetto alla salute generale, oltre che a quella procreativa. La sua presenza veniva vissuta come quella di una professionista, ma anche di una guaritrice e di una confidente. La sua diversità rispetto al medico ginecologo è semplice: mentre il medico è competente per la malattia, la patologia, l’ostetrica è la promotrice dell’espressione della salute, quindi competente per la fisiologia.
E’ scontato dire che le due professioni non si annullano a vicenda, e nemmeno sono interscambiabili, ma hanno l’importante compito di lavorare in equipe, con la finalità di raggiungere il più alto grado di salute possibile per la donna, la coppia ed il neonato.
Ci teniamo a precisare poi, che la professione dell’ostetrica è legalmente una professione sanitaria (Legge n.42/1999; Legge 251/2000), con un profilo professionale (D.M. n.740/1994) e prevede un codice deontologico (19 giugno 2010). Quindi visto che si parla di salute della donna, del suo bambino e della sua famiglia è bene affidarsi a persone competenti, come l’ostetrica, che esercitano la professione nel pieno della legalità, responsabilità e riservatezza.

Ma ora arriviamo al nocciolo della questione: dove lavora e cosa fa l’ostetrica?

L’ostetrica può esercitare la sua professione sia nelle strutture pubbliche (ospedali e consultori) sia nelle strutture private (cliniche, domicilio della donna, studio privato, ambulatori, palestre, università). Quindi può esercitare in regime di dipendenza o di libera professione. L’ostetrica ha le competenze per seguire la donna in:

AMBITO OSTETRICO

  • Assistenza alla gravidanza fisiologica con richiesta di intervento da parte del ginecologo qualora subentrasse un rischio ostetrico (quando la gravidanza non presenta complicazioni, per legge, può essere seguita dall’Ostetrica)
  • Sostegno e accompagnamento alla donna/coppia nel processo genitoriale
  • Educazione alla salute e prevenzione
  • Conduzione di corsi di accompagnamento alla nascita teorico-pratico a secco e in acqua e post nascita
  • Assistenza al travaglio e al parto in ospedale/clinica e a domicilio
  • Accompagnamento in ospedale per il parto dopo il travaglio a domicilio
  • Assistenza al puerperio in ospedale/clinica e al rientro a casa
  • Sostegno all’allattamento
  • Sostegno allo svezzamento
  • Collaborazione con equipe medica in caso di patologia

AMBITO GINECOLOGICO

  • Prevenzione primaria e secondaria della sfera genitale femminile (informazione, counselling, pap-test)
  • Educazione alla salute e prevenzione
  • Educazione sessuale e riproduttiva in adolescenza, età fertile e dopo la menopausa
  • Prevenzione della malattie sessualmente trasmesse (informazione, counselling)
  • Assistenza e sostegno della donna con problemi ginecologici (infezioni…)
  • Consulenza alla donna/coppia su contraccezione, infertilità, diagnosi prenatale
  • Riabilitazione del pavimento pelvico in donne di tutte le età, in menopausa e dopo il parto
  • Sostegno alla donna in menopausa
  • Sostegno all’adolescenza
  • Collaborazione con equipe medica in caso di patologia

AMBITO NEONATALE

  • Cura del bambino subito dopo la nascita in ospedale/clinica o a domicilio
  • Cura del bambino fisiologico fino all’anno di età, con richiesta di intervento da parte del pediatra qualora ce ne fosse bisogno in ospedale/clinica e al rientro a casa
  • Massaggio neonatale 0-12 mesi
  • Puericultura

AMBITO UNIVERSITARIO

  • Svolge attività di docenza, ricerca e formazione

Questo elenco potrebbe sembrarvi un po’ lungo, ma è giusto che le donne sappiano quali siano le competenze dell’ostetrica. Bisogna però precisare che non in tutti i casi sopra elencati potreste trovare come riferimento l’ostetrica e bisogna anche dire che le realtà cambiano da regione a regione e da struttura a struttura. Quindi in breve si può affermare che l’ostetrica è la persona più idonea per accompagnare la donna nei vari traguardi della sua vita, sarà disponibile all’ascolto, alla comprensione e soprattutto nel SOSTENERTI SEMPRE.

 

 


Leave a Reply