Il massaggio infantile

massaggio_infantile

immagine tratta dal web

 

Il massaggio può essere definito come qualsiasi forma di stimolazione tattile eseguita con le mani e in modo sistematico.
Il massaggio infantile è una forma di comunicazione che esprime amorecura rispetto attraverso il tatto. E’ un’interazione fatta di carezze e coccole; una combinazione di esercizi che non vengono semplicemente eseguiti sul bambino, ma CON il bambino.

Tanti sono i benefici, sia per il genitore sia per il bambino.

Benefici per il bambino:

  • sviluppa il senso di sentirsi amato, rispettato e al sicuro
  • allevia disturbi legati al sistema digerente, come costipazione e coliche
  • allevia i sintomi del raffreddore
  • il massaggio alle gengive aiuta a ridurre il dolore della dentizione
  • aiuta a sviluppare il primo senso del bambino: il tatto
  • promuove il rilassamento
  • regolarizza il ritmo sonno-veglia
  • aiuta lo sviluppo fisico e mentale, la coordinazione e la consapevolezza del proprio corpo.

Benefici per i genitori:

  • è un modo efficace di comunicare con il proprio bambino, attraverso le mani e la voce
  • offre ai genitori gli strumenti per alleviare i tipici disturbi del piccolo
  • può prevenire o alleviare la depressione post-parto
  • aiuta i genitori a comprendere i bisogni del proprio bambino
  • promuove il rilassamento e il naturale istinto del prendersi cura
  • offre un momento di contatto pelle a pelle per mamme che non allattano al seno.

Preparazione al massaggio: alcune considerazioni

  • se possibile, massaggiare il bambino nudo, senza pannolino, sdraiandolo su una traversina o un asciugamano;
  • fate dei respiri profondi prima di iniziare per rilassarvi e scrollare via le tensioni;
  • assicuratevi che le vostre mani siano pulite e calde e rimuovete gioielli;
  • utilizzate olio naturale, vegetale, possibilmente biologicospremuto a freddo;
  • mantenete le vostre mani oliate durante tutto il massaggio;
  • iniziate con un tocco leggero per poi aumentare piano piano la pressione (attenzione a non provocare il solletico);
  • non forzate il bambino se mostra segnali di stress: potrebbe non essere ancora pronto;
  • interrompete il massaggio se il bambino piange;
  • se sta dormendo, non svegliatelo per essere massaggiato;
  • non massaggiatelo se ha fame o se ha appena mangiato (in quest’ultimo caso aspettare 30-40 minuti);
  • se il bambino è stato sottoposto a vaccinazioni, attendere almeno 24 ore e per circa una settimana non massaggiare nella zona dell’iniezione;
  • non massaggiatelo se non sta bene;
  • non massaggiate le zone in cui la pelle presenta traumi.

La scelta dell’olio

Come già sopra citato, si raccomanda l’utilizzo di olio naturale, vegetale, meglio se biologico e spremuto a freddo. Se contiene vitamina E ancora meglio in quanto va a nutrire la pelle.
Evitare gli oli minerali, poiché contengono diversi derivati del petrolio come la paraffina, non commestibili.
Evitare inoltre gli oli essenziali per bambini al di sotto dei 3 anni, in quanto ad altissima concentrazione e spiccata attività terapeutica; pertanto andrebbero consigliati esclusivamente da un esperto.

Oli considerati sicuri:

  • olio di girasole
  • olio di mandorle
  • olio di cocco
  • olio di sesamo
  • olio di germe di grano.

Fino a che età posso massaggiare mio figlio?

Non esiste un limite massimo. Generalmente i corsi vengono organizzati dagli 0 ai 12 mesi, ma i genitori possono proseguire il massaggio anche quando il figlio è più grande, addirittura in età adolescenziale se entrambi lo desiderano. Pensiamo ad esempio alla ragazza durante la mestruazione: benefico potrà essere il massaggio alla pancia e alla schiena, in particolare nella zona sacrale.

 

Cercate nella vostra città i corsi attivi di massaggio infantile, e assicuratevi che vengano svolti da personale adeguatamente preparato e qualificato.

E poi ricordate, fidatevi sempre del vostro naturale istinto, nessuno meglio di voi conosce il vostro bambino!

 

Ostetrica Lorenza


Leave a Reply