Archive of ‘Menopausa’ category

Ginnastica perineale

Ginnastica perineale

Il pavimento pelvico è la struttura muscolare che chiude, verso il basso, la cavità del bacino. E’ costituito da diversi muscoli che lavorano con lo scopo di fornire forza, protezione e resistenza agli organi soprastanti (compresi quelli addominali).
E’ una struttura molto importante durante il parto, poiché permette il movimento delle articolazioni del bacino e costituisce una guida per il bambino verso la nascita.
La struttura muscolare del perineo si divide in tre strati: superficiale, intermendio e profondo.
La porzione superficiale (colorata in verde) va a costituire gli sfinteri urogenitali (uretra, vagina e retto). Sono quelli che si attivano ad esempio quando, mentre facciamo pipì, interrompiamo il getto.
La porzione intermedia (colorata in giallo) prende il nome di diaframma urogenitale, ed ha il compito di sostenere vescica ed utero, e di contrapporsi agli aumenti di pressione endoaddominale che spingono questi organi verso il basso (es. tosse, starnuti).
Lo strato profondo (colorato in rosso) prende il nome di diaframma pelvico, e forma un’amaca intorno ai meati urogenitali. E’ essenziale nella costituzione di un perineo stabile e nella continenza fecale.

pavimento-pelvico

Perché allenare il perineo è così importante?

Innanzi tutto, dobbiamo dire, che è importante per le donne di tutte le età conservare la forza dei muscoli del pavimento pelvico. Soprattutto poi, tutte quelle donne affette da incontinenza da sforzo, ossia quelle che continuamente perdono urina quando tossiscono, starnutiscono o eseguono esercizi fisici, traggono molto vantaggio da tali esercizi.
Nelle donne in gravidanza invece, tali esercizi aiutano l’organismo a far fronte al crescente peso del nascituro. Muscoli sani e tonici prima della nascita del bambino, si riprenderanno più in fretta dopo il parto.
Con l’invecchiamento, è importante che la donna conservi la forza dei muscoli del pavimento pelvico perché in occasione della menopausa i muscoli subiscono delle alterazioni e potrebbero indebolirsi. In questa condizione, effettuare con regolarità e nel modo corretto, gli esercizi per il pavimento pelvico contribuisce a minimizzare gli effetti delle menopausa sul supporto pelvico e sul controllo della vescica. (altro…)


Menopausa

menopausa

immagine tratta dal web

 

La menopausa non è una malattia, ma un fenomeno naturale che accomuna tutte le donne.
Iniziamo con un po’ di definizioni.
La menopausa consiste nell‘ultima mestruazione fisiologica nella vita della donna; occorrono 12 mesi di assenza del flusso mestruale per poter stabilire con certezza tale data.
Il climaterio è quel periodo in cui compaiono i classici sintomi menopausali e in genere non va oltre i 5 anni precedenti e i 5 anni seguenti la menopausa.
Distinguiamo inoltre tra premenopausa, ovvero quella fase della vita biologica femminile che precede la menopausa caratterizzata dall’alternanza di cicli ovulatori ed anovulatori, e postmenopausa, quel periodo che segue la menopausa.
Esiste infine anche la menopausa chirurgica (indotta): in questo caso bisogna distinguere la menopausa chirurgica, che è l’ultima mestruazione dopo un intervento chirurgico di asportazione dell’utero in una donna fertile in cui vengono conservate le ovaie, dalla menopausa chirurgica in cui vengono asportate le ovaie in associazione o meno all’asportazione dell’utero (isterectomia). Solo in quest’ultima situazione compaiono i sintomi e  i disturbi tipici della menopausa.

In Italia l’età media di insorgenza della menopausa fisiologica è di 49 anni, con variazioni dai 45 ai 53 anni. Si parla di menopausa prematura se insorge tra i 40 e i 45 anni, precoce prima dei 40 anni e tardiva dopo i 54. (altro…)